Chiamaci al numero +39 3460963052

Cuba, il nuovo mercato per le aziende italiane dell’immobiliare

Cuba, il nuovo mercato per le aziende italiane dell’immobiliare

19 dicembre 2014 in Blog

La pace tra Cuba e Stati Uniti, con la fine dell’embargo, potrebbe giocare a favore delle aziende 
italiane. 
  
Già oggi l’Italia è il secondo esportatore europeo verso Cuba, con il 16% delle forniture totali per un valore di 288 mln di euro nel 2013, in crescita dell’8,4%. Superato solo dalla Spagna (47% del mercato) ma meglio di Francia (14%) e Germania (11%).    
  
Uno scenario che mostra un trend di crescita futuro, grazie alla progressiva liberalizzazione del mercato. 
  
Il punto nodale per le aziende italiane è rappresentato dai progetti di sviluppo di Casa Depositi e Prestiti, che detiene il controllo di Sace, specializzata nell’assistenza alle aziende all’estero. 
  
Negli ultimi anni ha intensificato i rapporti con Cuba per verificare le potenzialità di business e l’affidabilità di banche e aziende del Paese. Ora con il Banco Nacional de Cuba e altre controparti bancarie locali, Sace sta valutando operazioni a sostegno di progetti nei settori della meccanica strumentale, infrastrutture, costruzioni ed energia. Settori funzionali allo sviluppo industriale e socio-economico di Cuba, in cui il Made in Italy ha molto da offrire, beneficiando peraltro della recente riforma della “Ley de Inversión Extranjera” che, oltre a offrire benefici fiscali agli investitori esteri, ha ridotto gli ostacoli all’importazione di macchinari per l’industria: comparto, quest’ultimo, che già oggi rappresenta il 33% dell’export italiano nel Paese. 
  
Quindi trattamento fiscale agevolato, 15% sui redditi degli stranieri leggi qui i dettagli, e assicurazione dei crediti vantati. 
  
Che Cuba abbia bisogno di nuove costruzioni non c’è dubbio, ora tocca agli imprenditori italiani.

Condividi

, , ,

Leave a Reply

Please complete required fields

© Copyright 2014