Chiamaci al numero +39 3460963052

Previsioni Istat: bene mercato case e mutui, edilizia ancora ferma

Previsioni Istat: bene mercato case e mutui, edilizia ancora ferma

15 maggio 2015 in Blog

Il traguardo del primo semestre si avvicina a grandi passi e con la tacca di metà anno arrivano anche le prime previsioni – in cifre, non solo impressioni o sentiment – su quello che sarà il bilancio dell’intero 2015
  
Ci pensa anzitutto l’Istat a ordinare gli elementi fino ad ora disponibili, provando a dare un’occhiata anche ai successivi due anni (2016 e 2017, quindi) di un’economia italiana che sembra avviata lentamente verso la svolta. 
  
A partire anzitutto da quel dato chiave da cui tanto dipende, ovvero il Pil (Prodotto interno lordo) che l’istituto di via Balbo – dopo la fase di contrazione proseguita nel 2014 (-0,4%) – prevede nel 2015 in salita dello 0,7%. 
  
A cui seguirà una crescita dell’1,2% nel 2016 e dell’1,3% nel 2017. 
  
“Le prospettive di breve termine indicano una ripresa dei ritmi produttivi – si legge nel report diffuso questa mattina dall’Istituto di statistica (il testo integrale è in allegato) – come l’evoluzione positiva del ciclo internazionale e il deprezzamento del cambio dell’euro, sia della ripresa delle componenti di domanda interna, sostenute dal basso livello dei prezzi del settore energetico e dall’atteso miglioramento delle condizioni del credito”. 
  
L’Istat è facile profeta sul credito, perchè riferisce di un trend monitorato, giorno per giorno, anche da Monitorimmobiliare sul fronte più specifico dei mutui casa
  
Riflettori puntati anche sulle iniezioni di liquidità: “Solo nell’ultimo trimestre del 2014 gli investimenti hanno registrato una prima variazione positiva (+0,2%). 
  
Il leggero rialzo ha riflesso l’incremento della componente delle macchine, attrezzature e armamenti (+1,4%), il rallentamento della caduta delle abitazioni (-0,1%) e la variazione positiva per i prodotti della proprietà intellettuale (+0,2%). 
  
E’ rimasto decisamente negativo l’andamento delle altre opere di costruzione”. 
  
Mentre dal 2015 in corso –  dove a giocare a favore si aggiunge il piano di quantitative easing voluto dalla Bce in Europa – ci sia aspetta una “crescita degli investimenti che si attesterà all’1,2% e sarà trainata principalmente dalle macchine e attrezzature e dalla spesa in beni della proprietà intellettuale, a cui si accompagnerà un lieve recupero della componente residenziale. 
  
La dinamica degli investimenti in altre opere di costruzione risulterà in lieve rallentamento nell’anno in corso”. 
  
Totale: al pessimismo sul fronte dei cantieri e delle costruzioni – del resto confermato anche dal rapporto di Confcommercio sui consumi degli italiani, dove si parla invece in generale di un “graduale trend di ripresa” – si contrappone una certa aria di giustificato ottimismo sul fronte del mercato abitativo, dove le previsioni di Luca Dondi di Nomisma –guarda la videointervista raccolta ieri da Monitorimmobiliare – mettono in conto una chiusura a quota 450-460mila compravendite residenziali a fine 2015, con quindi 20-30mila rogiti in più rispetto al consuntivo 2014. 
  

Condividi

, , , ,

Leave a Reply

Please complete required fields

© Copyright 2014